Oggi è mer 14 nov 2018, 12:57

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 46 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Le origini del calcio
MessaggioInviato: mer 22 nov 2006, 2:30 
Non connesso
Moderatore
Moderatore
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: dom 10 apr 2005
Alle ore: 14:02
Messaggi: 7175
Sono i ruoli primordiali del calcio, quando le differenze di ruolo erano nitide, la caratterizzazione dei moduli anche, e si potevano valutare con molta più chiarezza le caratteristiche dei singoli giocatori. Questo perché la marcatura a zona non esisteva (fu applicata per la prima volta in Brasile e in Argentina nella prima metà degli Anni 40), si utilizzava solo la marcatura a uomo (il Sistema prevedeva addirittura un duello uno contro uno in ogni settore del campo essendo un modulo speculare tra difesa e attacco: i due terzini sulle ali, mediocentro su centravanti, i due mediani sistemisti sulle due mezzali sistemiste e viceversa) e dunque l'incidenza di una singola prestazione di un giocatore finiva con l'incidere molto di più sulla resa collettiva. Il calcio oggi è molto cambiato e si è molto evoluto ma per valutare la statura di un giocatore personalmente cerco sempre di rapportare le sue caratteristiche di gioco ai ruoli base, credendo così dal mio punto di vista di ottenere un giudizio di un certo valore critico. Forse è un po' difficile da spiegare, spero di essere stato il più possibile chiaro.

Allora.

Il portiere è il ruolo che meno ha subito cambiamenti nella storia, e poi è un giocatore sui generis, diverso da tutti gli altri. Lasciamolo perdere.

Ecco in breve i compiti dei giocatori nel Metodo WW.

I terzini metodisti sono i due punti bassi della seconda W (ricordiamo che entrambi i moduli vanno sempre visti dall'alto). Sono liberi da compiti di marcatura, in sostanza rappresentano l'antesignano del battitore libero. Il compito dei terzini metodisti è quello di presidiare l'area di rigore, intervenire in seconda battuta quando i marcatori davanti a loro steccano, proteggere le spalle del portiere. Lasciamo qui perdere le successive distinzioni tra terzino volante e terzino di posizione.

Davanti a loro agiscono il centromediano metodista (raffigurato come il punto centrale della seconda W), e i due mediani laterali che sono i punti esterni della seconda W.

Il centromediano metodista è un ruolo cardine, in quanto ha la funzione di marcatore del centravanti avversario e contemporaneamente è il primo regista della squadra, e deve quindi servire l'attacco in fase di possesso palla con lanci al millimetro e aperture lungo le fasce. Si capisce dunque che un grande centromediano metodista deve possedere qualità difensive, tecniche, dinamiche e di visione del gioco in considerevole quantità. Un grande centromediano metodista non è giocatore da poco, anzi.

I due mediani metodisti hanno il compito di controllare le ali avversarie. Una specie di terzini in un moderno 4-4-2.

Il centrocampo nel Metodo non esiste, o meglio non esiste come settore dominante, in quanto le funzioni del reparto vengono in parte surrogate dal centromediano e dai due mediani laterali (come visto) e in parte dalle mezzali metodiste, che nel disegno costituiscono i punti bassi della prima W.

Le mezzali metodiste sono libere da marcature ad personam. Devono servire il centravanti e le ali ed essere al contempo pericolosi e puntuali in zona gol. Devono possedere mezzi tecnici e dinamici fuori dal comune, in quanto costituiscono l'asse portante della manovra offensiva. A loro è chiesto il compito di inventare e segnare a getto continuo in attacco.

Le due ali sono i punti laterali del tridente della prima W. Devono attendere di norma il lancio del centromediano metodista o l'assist illuminante delle mezzali, quindi tentare di superare il proprio marcatore (che è il mediano laterale avversario), andare sul fondo e crossare per il centravanti; oppure anche accentrarsi per assistere l'inserimento in zona gol delle mezzali e provare a concludere anch'esse a rete personalmente. Tenendo sempre d'occhio i terzini metodisti che, essendo liberi da compiti di marcatura diretta, possono intervenire e contrastarli in seconda battuta.

Il centravanti è il terminale ultimo della manovra. Il ruolo presuppone le più svariate tipologie di centravanti, che dunque può essere potente, rapace, elegante, tecnico, manovriero, votato solo alla finalizzazione... Sfrutta gli assist delle mezzali, i cross delle ali. Affronta direttamente il centromediano metodista, suo marcatore diretto, e se la vede in seconda battuta con i due terzini metodisti.

Ecco i compiti nel Sistema WM.

I grandi cambiamenti avvengono soprattutto in difesa. La partita è trasformata come accennavo nel cappello introduttivo in una serie di duelli individuali.

I due terzini sistemisti, che nel Metodo erano appunto in mezzo liberi da compiti di marcatura, vengono portati ai lati, nei punti bassi ed esterni della M. E a loro si chiede ora di marcare le ali (compito che nel Metodo spettava ai mediani laterali). Un terzino sistemista vede davanti a sè la corsia laterale libera da compagni e quindi, se particolarmente dotato sul piano della corsa, della tecnica e dell'intelligenza, è in grado di avventurarsi lungo tutta la fascia quando la sua squadra è in fase di possesso palla, ed arrivare anche sul fondo in attacco per scodellare invitanti cross (sostituendosi quindi all'ala classica). Quando però la squadra avversaria riconquista il possesso palla, il terzino sistemista deve essere pronto a rientrare in difesa e marcare l'ala. Il terzino sistemista è in pratica il cosiddetto terzino fluidificante.

Il centromediano sistemista viene arretrato nel cuore dell'area (raffigura il punto basso della M), ultimo baluardo davanti al portiere. Mantiene il compito di marcare il centravanti avversario, e se è il caso deve farlo in modo ancora più spietato del centromediano metodista in quanto alle sue spalle non vi sono più i due terzini metodisti pronti ad intervenire in seconda battuta. Il centromediano sistemista deve però assolvere solamente questo compito. Le funzioni di rilancio, le qualità tecniche e di visione del gioco a 360 gradi passano in altri ruoli che ora andremo ad analizzare.

I due mediani laterali vengono accentrati alle spalle delle mezzali e formano i due punti più alti della M. Insieme con le mezzali, che come detto sono davanti a loro in linea d'aria, costituiscono un quadrilatero. E' la nascita del centrocampo come reparto più importante e dominante del gioco. Ai mediani sistemisti si chiede di marcare le mezzali avversarie, ma anche se possibile di dare un aiuto atletico in fase di costruzione del gioco.

Le mezzali sistemiste restano i punti più bassi della W. Ma il loro raggio d'azione viene arretrato, in quanto:
A) a differenza delle mezzali metodiste sono marcate a uomo dai due mediani sistemisti avversari
B) devono assolovere il grosso del compito che prima spettava al centromediano metodista, cioè quello di rilanciare l'azione, dare manforte alla difesa, diventare i registi non solamente della fase d'attacco (come prima capitava alle mezzali metodiste) ma dell'intera manovra. In più, alla mezzala sistemista viene chiesto, nei limiti del possibile, di svolgere pure i compiti delle mezzali metodiste, quindi rifinire il gioco in attacco, servendo il centravanti e le ali, ed inserirsi con efficacia in zona gol. Dovendo però sobbarcarsi anche la mole di lavoro del centromediano metodista, e arretrando di qualche metro la propria posizione per formare il quadrilatero di centrocampo con i due mediani sistemisti, chiaramente la mezzala sistemista risulterà in fase offensiva un po' meno presente, un po' meno brillante e prolifica in termini di reti di una mezzala metodista. Come già nel Metodo può esistere la mezzala più dotata sul piano tecnico (e si chiamerà mezzala di regia) e la mezzala più dedita ad un lavoro oscuro e di raccordo (mezzala di spola).

Non variano i compiti prettamente tecnici e le caratteristiche delle ali e del centravanti nel Sistema rispetto al Metodo.

Il calcio è cambiato molto da allora ma come si vede in questo breve spaccato sui ruoli del Metodo e del Sistema vengono raffigurati tutti i compiti e tutte le mansioni che un giocatore deve saper svolgere e interpretare nelle diverse posizioni in campo anche oggi.

Alcuni esempi applicati a giocatori moderni:

Quando sento dire che Pirlo è un grande centromediano metodista, lo reputo un errore, in quanto il regista del Milan ha sì ottime doti di rilancio dell'azione e proprietà tecniche fuori dal comune; ma è sprovvisto totalmente o quasi totalmente della parte atletico-dinamica e lascia molto a desiderare (per usare un eufemismo...) in marcatura. Caratteristiche che invece come abbiamo visto sono il nerbo portante di questo ruolo non meno delle doti tecniche.
Pirlo nel Metodo avrebbe finito con il giocare da mezzala, ruolo dove fu provato con modesti risultati ad inizio carriera, in quanto con doti tecniche eccellenti per un centro-mediano ma normali per una mezzala, e con poca confidenza con il gol.
Nel Sistema Pirlo avrebbe finito con il giocare da mezzala, credo, ma anche qui con risultati a mio avviso poco soddisfacenti, in quanto abbiamo visto come la mezzala sistemista finisca con l'ereditare i compiti del centromediano metodista, e debba correre su e giù per il campo, dalla difesa all'attacco. Dovendo dunque fare affidamento su quelle doti di corsa e atletismo che Pirlo non ha.

Cannavaro è un superbo marcatore ma non ha la visione di gioco né ha qualità tecniche, di rilancio, di visione del gioco così evidenti per governare un reparto, sia da libero alle spalle di un pacchetto di marcatori, sia da mediocentro metodista. L'unico ruolo, in cui le sue doti da francobollatore arcigno e spietato avrebbero trovato piena rispondenza, sarebbe stato quello di centromediano sistemista.

Thuram e Paolo Maldini sono stati invece i difensori più completi a mio parere del calcio moderno. Thuram è stato uno dei più forti laterali di spinta al Mondo con la Francia (dunque sarebbe potuto essere un grande terzino sistemista di fascia destra), un ottimo marcatore (dunque un ottimo centromediano sistemista), un superbo direttore d'orchestra come centrale di una difesa a tre -> vedi gli anni di Parma, e un valido direttore d'orchestra di una difesa a quattro -> vedi Juve e nazionale francese da ultimo, (dunque avrebbe potuto interpretare molto bene i ruoli sia di terzino metodista sia eventualmente anche di centromediano metodista). Le stesse cose che ho detto di Thuram sono secondo me valide per Paolo Maldini. Ovviamente sul versante sinistro invece che su quello destro. Ma la sostanza è la medesima.

_________________
«...ricorda che se anche i nostri dirigenti ci danno per spacciati e dicono che sarebbero contenti anche se perdessimo 4-0, a me non interessa. Io oggi scendo in campo per vincere e voglio che quelli che scendono con me oggi abbiano lo stesso obiettivo. Se vedo qualcuno che non combatte questa battaglia, alla fine della partita dovrà vedersela con me. Fatti forza Ruben, quei duecentomila là fuori non giocano, guardano solamente».

Il capitano Obdulio Varela al giovane Ruben Moran prima della finale del Mondiale 50, Brasile 1 Uruguay 2


Share on FacebookShare on TwitterShare on Google+
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer 22 nov 2006, 10:35 
Non connesso
Moderatore
Moderatore
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: dom 10 apr 2005
Alle ore: 14:02
Messaggi: 7175
Una piccola aggiunta:

Thuram e Paolo Maldini avrebbero potuto anche svolgere il ruolo di mediani laterali metodisti in chiave propositiva e molto più efficace di come fu interpretata in origine in Italia. Da noi si scelse di affidare questo ruolo a giocatori di cifra tecnica modesta, o perlomeno normale, a cui si chiedeva unicamente di contrarre l'ala sull'out in fase difensiva. Ma ci sono Paesi esteri in cui invece il ruolo di mediano laterale metodista è stato ritenuto più importante per la costruzione del gioco e maggiormente celebrato. L'uruguayano Andrade, per esempio, ribattezzato "La meraviglia nera" dalla stampa francese dopo le Olimpiadi del 1928, non si limitava a coprire sulla propria ala di competenza, ma, quando la sua squadra aveva il possesso palla, saliva per dare manforte ai compagni, spingeva lungo tutta la fascia e spesso si accentrava per meglio sostenere la manovra in mezzo. Riusciva in tutto questo potendo ovviamente contare su proprietà di palleggio, tecniche e atletiche fantastiche. Se ipoteticamente venisse trasferito in un moderno 4-4-2, Andrade sarebbe un terzino fluidificante, similare al terzino di marchio sistemista, e quindi affatto diverso da Thuram e P. Maldini.

Ricapitolando, Thuram e P. Maldini avrebbero potuto interpretare ad alto o altissimo livello internazionale quattro/cinque ruoli sommando Metodo e Sistema. Una cosa straordinaria.

_________________
«...ricorda che se anche i nostri dirigenti ci danno per spacciati e dicono che sarebbero contenti anche se perdessimo 4-0, a me non interessa. Io oggi scendo in campo per vincere e voglio che quelli che scendono con me oggi abbiano lo stesso obiettivo. Se vedo qualcuno che non combatte questa battaglia, alla fine della partita dovrà vedersela con me. Fatti forza Ruben, quei duecentomila là fuori non giocano, guardano solamente».

Il capitano Obdulio Varela al giovane Ruben Moran prima della finale del Mondiale 50, Brasile 1 Uruguay 2


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer 22 nov 2006, 12:00 
Non connesso
Lady Bauscia
Lady Bauscia
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: mar 27 giu 2006
Alle ore: 17:34
Messaggi: 2658
Grazie Marco, ho salvato su un documento le tue perle, e appena ho 10 minuti liberi me le leggo bene!!!!

:P :P :P :P


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer 22 nov 2006, 21:28 
Non connesso
<b>Mister Forum</b><br>Ex-Calciatore Mondano
<b>Mister Forum</b><br>Ex-Calciatore Mondano
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: sab 20 mag 2006
Alle ore: 16:12
Messaggi: 2588
Località: Lucera (FG)
mi complimento con marco per le sue perle davvero di saggezza...ma perchè farla tanto difficile?....il calcio è semplicità, 3 tocchi e puoi essere a tu per tu con il portiere...... ;)

_________________
C.RONALDO FAN IBRAHIMOVIC FAN STANKOVIC FAN
Made in Italy
Memento Audere Semper


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio 23 nov 2006, 15:38 
Non connesso
Il Pallone d'Oro
Il Pallone d'Oro
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: dom 6 nov 2005,
Alle ore: 0:35
Messaggi: 12976
Grande Marco, come al solito ;)

_________________
Cita:
ai miei tempi negli anni 80 mi aberravo in strada


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven 24 nov 2006, 12:11 
Non connesso
Amministratore
Amministratore
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: gio 6 mar 2003,
Alle ore: 0:53
Messaggi: 4050
Località: Trinidad e Tobago
Eh, ma un post come quello non puo' perdersi in un topic destinato ad affondare. Tra qualche gg ricordatemi che lo sgancio e lo metto come topic a sé

_________________
Juventino in sciopero


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab 25 nov 2006, 16:28 
Complimenti Marco, come sempre!
però mi permetto di dire questo, tutta quanto scritto è sicuramente ineccepibile dal punto di vista teorico, ma quanto ha a che vedere realmente con quello che succede in campo?
Voglio dire, un calciatore al giorno d'oggi stenta di fronte a parole semplici, quasi tutti i giorni. quindi mi chiedo come potrebbe capire cose così complesse: immagina Capello: "Antonio, che ci fai li, da mezz'ala metodista, arretra due metri e fai il centromediano sistemista" cioè quello come minimo si spara :asdrulez
in altre parole, per quanto affascinante questa tua disquisizione rimane fine a se stessa secondo me :grin
cioè, applicarlo al calcio giocato d'oggi è veramente complicato!


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab 25 nov 2006, 18:56 
Non connesso
<b>Viola User #1</b>
<b>Viola User #1</b>
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: mar 3 ago 2004,
Alle ore: 17:13
Messaggi: 5256
Località: Firenze
King_Zlatan ha scritto:
Complimenti Marco, come sempre!
però mi permetto di dire questo, tutta quanto scritto è sicuramente ineccepibile dal punto di vista teorico, ma quanto ha a che vedere realmente con quello che succede in campo?
Voglio dire, un calciatore al giorno d'oggi stenta di fronte a parole semplici, quasi tutti i giorni. quindi mi chiedo come potrebbe capire cose così complesse: immagina Capello: "Antonio, che ci fai li, da mezz'ala metodista, arretra due metri e fai il centromediano sistemista" cioè quello come minimo si spara :asdrulez
in altre parole, per quanto affascinante questa tua disquisizione rimane fine a se stessa secondo me :grin
cioè, applicarlo al calcio giocato d'oggi è veramente complicato!

concordo! :grin

_________________
Cioè questo dice che vivo in una baracca fatiscente con un cane che puzza e non viene bannato ? ..comunque per informazione del signor Janaceck vivo in una villa , ho 6 bagni e una piscina di 15 metri. epico


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom 26 nov 2006, 14:48 
Non connesso
Moderatore
Moderatore
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: dom 10 apr 2005
Alle ore: 14:02
Messaggi: 7175
King_Zlatan ha scritto:
Complimenti Marco, come sempre!
però mi permetto di dire questo, tutta quanto scritto è sicuramente ineccepibile dal punto di vista teorico, ma quanto ha a che vedere realmente con quello che succede in campo?
Voglio dire, un calciatore al giorno d'oggi stenta di fronte a parole semplici, quasi tutti i giorni. quindi mi chiedo come potrebbe capire cose così complesse: immagina Capello: "Antonio, che ci fai li, da mezz'ala metodista, arretra due metri e fai il centromediano sistemista" cioè quello come minimo si spara :asdrulez
in altre parole, per quanto affascinante questa tua disquisizione rimane fine a se stessa secondo me :grin
cioè, applicarlo al calcio giocato d'oggi è veramente complicato!


King, forse non ci siamo capiti su come e soprattutto da chi questi termini vadano usati.

Non ho mai detto che un allenatore debba andare da un giocatore e cominciare a spiattellargli in faccia tutta 'sta roba, del tipo "da mediano laterale metodista rendi poco, è meglio se scali in posizione più centrale e arretrata e operi da terzino metodista libero da compiti di marcatura ad personam...": è chiaro che un calciatore non ci capirebbe nulla! (e spesso anche l'allenatore).

Quello che ho detto invece si riferiva a quelli che giudicano stando al di fuori del campo, cioè giornalisti, tifosi, esperti, appassionati ecc. E' un "metodo" (chiamiamolo così...) che può essere studiato e quindi applicato da tutta questa schiera di persone che tentano di analizzare il calcio dall'esterno.

_________________
«...ricorda che se anche i nostri dirigenti ci danno per spacciati e dicono che sarebbero contenti anche se perdessimo 4-0, a me non interessa. Io oggi scendo in campo per vincere e voglio che quelli che scendono con me oggi abbiano lo stesso obiettivo. Se vedo qualcuno che non combatte questa battaglia, alla fine della partita dovrà vedersela con me. Fatti forza Ruben, quei duecentomila là fuori non giocano, guardano solamente».

Il capitano Obdulio Varela al giovane Ruben Moran prima della finale del Mondiale 50, Brasile 1 Uruguay 2


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer 13 dic 2006, 15:33 
Non connesso
Moderatore
Moderatore
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/05/2015
Reg. il: mer 6 apr 2005,
Alle ore: 17:19
Messaggi: 24360
Località: Genova
Ross23 ha scritto:
Eh, ma un post come quello non puo' perdersi in un topic destinato ad affondare. Tra qualche gg ricordatemi che lo sgancio e lo metto come topic a sé

Feci io dopo 3 settimane :asd
L'ho messo in calcio generale, se è meglio come storia del calcio spostatelo.

P.s: ovviamente anch'io mi complimento con Marco :metalrulez

_________________
Signori e signore Che giocatore Cristiano Ronaldo !!...che Giocatore Cristiano Ronaldo !!..io credo che non ci trovavamo davanti un giocatore simile dai tempi di Evaristo Beccalossi.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 46 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5  Prossimo

Risposta Rapida
Titolo:
Messaggio:
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Simone e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010